“AL MIO POPOLO DARÒ LA GRAZIA DI ESSERE SALDI NELLA FEDE se, nove giorni prima del giorno di Pentecoste, Mi pregheranno e durante questa novena si affideranno a Me ogni giorno, con il corpo, l’anima e lo spirito unificati nell’amore, con dedizione, con impegno, in modo consapevole e con distacco dalle cose mondane. Il requisito non è solo quello di rimanere in questa condizione di pace, di grazia e d’amore durate questi nove giorni, ma per il resto della vita.” La mia anima è triste perché vedo che l’anima delle creature che sono lontane dalla verità ….. leggi dal sito ufficiale L’UOMO SARÁ ANCORA PIÚ SUPERBO ED ARROGANTE E SI SATURERÁ DI FALSITÁ PER CONTINUARE NELLA LUSSURIA, FINO A DIVENTARE EBBRO DEL MALE, CONSIDERANDO INDEBITO QUANTO È BUONO E BUONO QUELLO CHE INVECE È INDEBITO. Sacra Famiglia Mettete in pratica i Comandamenti, siate più devoti, siate persone che hanno bisogno di Me e che godono di Me, persone che godono del bene ed amano coloro che trasmettono la Mia Parola, rispettando chi è stato scelto dalla Mia Casa. La Mia dottrina è chiara, limpida con la parola di vita, con la mia esistenza tra voi nella Santa Eucaristia,lì si rinnova e si perpetua in eterno il sacrificio della croce redentrice.Figli mie cari Sacerdoti … PREGHIERE Amato Popolo Mio, Io Sono presente nel Santo Sacrificio sull’Altare, dove vengo trattato con grande indifferenza, con irriverenza e con disprezzo… L’Umanità patirà per la sua disubbidienza, ma ogni singolo individuo continua ad avere a disposizione la Misericordia Divina e l’opportunità di convertirsi e pertanto di salvarsi l’anima. FIGLI MIEI, AVVICINATEVI A QUELLI CHE NON HANNO E CONDIVIDETE IL PANE QUOTIDIANO, DATE DA MANGIARE AI BISOGNOSI, MA CONDIVIDETE CON L’AMORE DI UN VERO FIGLIO DI DIO. FESTA DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE DI MARIA SANTISSIMA In questo momento cercate il vero pentimento, quello che nasce nel più profondo del vostro essere, da dove scaturisce il vero dolore per le offese commesse contro Dio e contro il prossimo. Io verrò quando meno ve lo aspettate, perché prima sentirete parlare di guerre e la guerra si concretizzerà quando ogni Nazione si solleverà contro ogni altra Nazione e quando le pestilenze e la fame saranno peggiori di quelle attuali. Le date sull’Avvertimento, sul Miracolo, sul Castigo, sulle catastrofi, sui Giorni di Buio e sulla Seconda Venuta di Mio Figlio, stanno girando all’impazzata in tutto il mondo. LA FEDE SI SPEGNERÁ NELL’UMANITÁ, COME LA FIAMMA DI UNA CANDELA INVESTITA DAL VENTO. MIO FIGLIO VI CHIEDE DI CONOSCERE LA SACRA SCRITTURA, NON SOLO PER MEMORIZZARNE I VERSETTI, MA AFFINCHÈ LI FACCIATE DIVENTARE VITA. AL MIO POPOLO SARÀ PROIBITO ADORARMI, NON POTRETE NOMINARE LA MIA MADRE SANTISSIMA, poiché l’anticristo sa che Mia Madre sconfiggerà il male. Voi sarete perseguitati, ma non vi ruberanno la Salvezza Eterna. La terra tremerà con forza, vivrete momenti durissimi e solo con una vera Fede nelle Promesse di Mio Figlio, nella Mia Protezione, nell’aiuto dei vostri Compagni di Cammino e nell’intercessione dei Santi e delle Sante, rimarrete in piedi. Le apparizioni di Itapiranga. Edson Glauber Per intercessione di Maria Santissima CONSACRAZIONE AL CUORE IMMACOLATO DI Luz de Maria, agosto 2011 Il rumore prodotto dal Santo Rosario fa paura al male e lo fa fuggire di corsa, se una persona è debitamente preparata, quando ha confessato i peccati commessi ed ha fatto proponimento di correggere definitivamente il proprio cammino, allontanandosi da quanto la separa da Me. Il demonio conosce bene la debolezza umana e sa che con le cose mondane riesce a tentare i Miei figli molto facilmente. Vi invito ad allontanarvi dalle cose mondane affinché, vincendo il mondo, vi allontaniate da quanto vi porta ad infangarvi nell’immoralità, nell’immodestia, nelle mancanze contro i Comandamenti ed i Sacramenti e contro la natura umana. Mai come ora Io mi sono agitato per tornare fra voi con la mia Parola a radunare le schiere dei miei eletti per partire con essi e coi miei angeli a dare battaglia alle forze occulte che lavorano per scavare all’umanità le porte dell’abisso. State vivendo nella confusione, la Chiesa di Mio Figlio si è divisa, cedendo il passo al modernismo ed allontanandosi poco a poco dall’obbedienza alla santità, alla quale il Popolo di Mio Figlio è chiamato. L’EUCARISTIA SARÁ PROIBITA, LA DEVOZIONE PER ME SARÁ PUNITA CON LA MORTE, IL POPOLO DI MIO FIGLIO SARÁ PERSEGUITATO E MIO FIGLIO SARÁ CROCIFISSO NUOVAMENTE… Mia cara figlia. Oggi ti ho esortato a venire qua perché devi sapere le cose seguenti: Moltissime anime credute perdute stanno già cambiando vita. Offrite dunque tutte le vostre sofferenze e continuate a pregare molto Il Mio Popolo lotta contro quello che è mondano, quindi sa che non deve cercare né posti d’onore, né di essere riconosciuto per poter emergere, ma deve essere riconosciuto per l’umiltà. DITE DI VOLER ENTRARE NELLA MIA VITA DIVINA… E NON LO OTTERRETE FINO A QUANDO NON MI FARETE VIVERE APPIENO IN VOI, E FINO A QUANDO NON AVRETE PORTATO L’EGO A TRASFORMARSI IN LIBERTÀ NELL’AMBITO DELLA NOSTRA VOLONTÀ DIVINA. Alcuni di quelli che si definiscono Miei figli, non mettono in pratica appieno l’amore che dicono di avere per Me, perché ignorano i Miei Insegnamenti per essere veri discepoli di Mio Figlio, disposti a mettere in pratica la Legge Divina. Attenti perché Mio Figlio verrà e voi, non conoscete il momento.Non riposatevi ma pregate e state lontani da ciò che è mondano. FIGLI, VOI NON SIETE DEL MONDO, NON PRMETTETE CHE IL MONDO VI PRENDA. Riporto i messaggi a partire dà Gennaio 2016 i precedenti li trovate nel sito ufficiale che metto il link ad ogni messaggio . .Miei amati, in questo momento il peccato è riuscito a diventare un’abitudine per l’uomo.Io vi invito a fare in modo che la Grazia sia un’abitudine che riesca ad opporsi al peccato. Tutte le Preghiere che si trovano nel sito ufficiale tratte dai messaggi dati dal Cielo Riguardo all’origine di questa stupenda immagine.Una persona fotografò un sacerdote durante la santissima consacrazione. Dallo sviluppo del rullino, comparve, per sua grande sorpresa, l’immagine della sacra famiglia. Messaggio privato del Signore e di Maria madre di Dio A Maria per la divina preparazione State in guardia, non dovete accettare tutto, alla fine nasceranno molti falsi profeti che inganneranno molti e siccome l’iniquità andrà aumentando, la carità di molte persone si raffredderà.MA CHI PERSEVERERÁ FINO ALLA FINE, SI SALVERÁ. Popolo Mio, VI ORDINO DI PRENDERE SUL SERIO QUESTO MIO APPELLO, di modo che, formalmente e con urgenza, vi rendiate conto della realtà in cui vivete, sia per il vostro bene personale che per quello comunitario o per la lontananza che continuate ad avere con la Mia Casa. Amati figli del Mio Cuore Immacolato:Non potete chiamare bene quello che è contrario alla Legge di Dio.Guai ai Miei figli Prediletti che inducono il Popolo di Mio Figlio ad agire in modo sbagliato! Guai ai Miei figli Prediletti che amano le cose del mondo, si affaccendano nelle cose del mondo e tralasciano l’essere pastori di anime! Io vengo ad invitarvi a condividere la Mia Croce. CIASCUNO PRENDA LA SUA CROCE PERSONALE, PER NON DISERTARE SU QUESTO CAMMINO e non fare parte, in questo momento, della decadenza di questa generazione che Mi offende fino alla nausea, come mai prima d’ora. Rosario del Fiat alla ” Divina Volontà “ L’umanità si trova ad un passo dal Grande Avvertimento… L’ASTRO NON TARDERÀ A BRILLARE NEL CIELO, illuminando sia quelli che vivono nelle tenebre che quelli che vivono nella Luce. L’UOMO DEVE RICONOSCERE IN QUESTO MOMENTO, SOLO CON UN ATTO D’AMORE, LA SUA LONTANANZA DA DIO E RIPARARE PER QUESTO GRAVE ERRORE. IO ASCOLTO IL GRIDO DEL MIO POPOLO, LO PROTEGGO, SPECIALMENTE IN QUESTO MOMENTO.RICEVETEMI, PREGATE MIA MADRE AFFINCHÉ INTERCEDA PER VOI, CHIEDETE AL NOSTRO SANTO SPIRITO DI EFFONDERE I SUOI DONI IN VOI. AMATI FIGLI, IO VERRÓ ALLONTANATA DAI MIEI FIGLI, COSÍ COME MIO FIGLIO VIENE ALLONTANATO DAL SUO POPOLO… VERRÓ NEGATA COME MADRE DI MIO FIGLIO, SARETE UN POPOLO ORFANO… (dagli scritti di M.Valtorta )Ad un tratto, una gran luce empie la stanza, una luce argentea, sfumata d’azzurro, quasi fosforica, e sempre più cresce, annullando quella dell’alba e quella della lucerna. Nei Messaggi ci è stato detto in modo chiaro quanto siano importanti e necessarie la preghiera, la volontà di compiere il bene e l’impegno di continuare a rispettare i Comandamenti, di continuare a desiderare di fare la Volontà Divina, per compierla come avviene in Cielo. IL MIO CORPO ED IL MIO SANGUE DEVONO ESSERE TRATTATI CON RISPETTO: RICEVETEMI IN BOCCA, NON PRENDETEMI IN MANO. DOPO AVERMI RICEVUTO SULLE MANI, MI LASCIATE CADERE SENZA ACCORGERVI….. Tratto dal sito di Margherita di Gesù molti non sanno cosa sia eL’avvertimento e mai ne hanno sentito parlare .. STA PER GIUNGERE IL MOMENTO DELLA SOFFERENZA, QUEL MOMENTO CHE IO HO RITARDATO… Giungerà inesorabilmente su questa generazione alla quale tanto è stato rivelato in tutte le Apparizioni di Mia Madre ma che gli uomini volontariamente non vogliono riconoscere. VOI SAPETE QUELLO CHE SUCCEDERÁ IN QUESTO MOMENTO, LO SAPETE DALLA SACRA SCRITTURA. Gli uomini si ribelleranno contro il Mio Amore e prenderanno in giro Me e tutto quanto ricordi loro l’Amore della Nostra Trinità, soprattutto la Redenzione del genere umano. Questa ribellione è in atto adesso, quindi è questo il momento di cui vi parla la Sacra Scrittura. Dio Asciugherà ogni lacrima dai loro occhi IL TEMPO É OPERA DELLE MANI DI DIO E TUTTO SI COMPIE NEL SUO TEMPO… NON IN QUELLO CHE L’UOMO VORREBBE IMPORRE. LA PAROLA DIVINA É UNA: IERI, OGGI E SEMPRE, LO È E LO SARÁ. FIGLI, FATE ATTENZIONE RIGUARDO AL PROSSIMO: NON INSULTATE, NON CALUNNIATE, NON SIATE AVARI, NON RIVANGATE IL PASSATO. TUTTI HANNO LA STESSA POSSIBILITÁ DI CORREGGERE IL LORO CAMMINO. L’IRA DI DIO (secondo gli scritti della Valtorta)Bastone e verga della collera di Dio CHIEDO ALLA GIOVENTÚ DI NON PARTECIPARE ALLE RIVOLTE NÉ ALLE PROTESTE, PERCHÉ LASCIANDOVI INFIAMMARE DIVENTERETE PARTECIPI DI MASSACRI. GIOVANI, FUGGITE! NON MACCHIATEVI LE MANI DEL SANGUE DEI VOSTRI FRATELLI. Amata, non voglio un Popolo moderno, voglio un Popolo rispettoso della sana Dottrina, che metta in pratica i Miei Comandamenti, che rispetti la Mia Volontà. I MODERNISMI MI DANNO LA NAUSEA, OGNI MODERNISMO CHE IMPERA NELLA MIA CHIESA È UNA NUOVA FLAGELLAZIONE CHE SUBISCO. POPOLO MIO, DOVETE SAPERE CHE DOVE C’É VIOLENZA, DISAMORE, INGIURIE, IRA COSTANTE, MANCANZE DI CARITÁ, MANCANZE DI FEDE E INCIDENTI CONTINUI, SI È ADDETRATO IL MALE. Itapiranda FIGLI MIEI, IO ANNUNCIO PER MEZZO DEL MIO PROFETA… IO DENUNCIO PER MEZZO DEL MIO PROFETA… Messaggi Audio Anguera Il fumo di satana nella Chiesa e la grande impostura (Omelia su Apocalisse 21) Vita di Santa Gemma Galgani Giungerà il momento in cui i figli di Mio Figlio, imboccheranno la strada sbagliata e si precipiteranno nell’abisso, poiché vivendo nel peccato, potenziano il potere del demonio, che si impadronirà delle menti degli innocenti, giovani ed adulti, per lottare per il suo obiettivo: Figli, in questo momento il demonio lancia i suoi dardi in direzione dell’ego umano, al fine di infiltrare l’intolleranza nelle famiglie. Il demonio sa che una società senza la famiglia, è una società nel caos. VEDO CHE I MIEI FIGLI SULLA TERRA HANNO UN ATTEGGIAMENTO DI SFIDA, NON HANNO NÉ RISPETTO NÉ MORALE, SI AGITANO DAVANTI AGLI INDIZI DI UNA PERDITA ECONOMICA, FRONTEGGIANDOSI A VICENDA, SENZA RIMORSI. MANTENETE LA FEDE NELL’AMORE DI MIO FIGLIO PER IL SUO POPOLO E CONTEMPORANEAMENTE AIUTATEVI CON LA VERA CONOSCENZA DELLA PAROLA DIVINA, NELLA SACRA SCRITTURA, di modo che non diciate sì a quello che non è la Volontà Divina. Le precipitazioni di pioggia su tutta la terra, saranno fuori dal comune e saranno provocate su ordine di questa élite al servizio della massoneria e degli illuminati, che sono allo stesso tempo servi del maligno, in attesa dell’anticristo. Messaggio dato dà Maria a Don Gobbi a Dongo NON SI PUÓ DEFINIRE SPIRITUALE CHI NON UBBIDISCE AI COMANDAMENTI DIVINI, ESPRESSI NELLA SACRA SCRITTURA. MESSAGGIO DI NOSTRO SIGNORE GESÚ CRISTO ALLA SUA AMATA FIGLIA LUZ DE MARIA 11 MAGGIO 2016 “Che eterna giornata di gioia immisurabile la nostra, di noi che ci amiamo: Noi, Iddio Uno e Trino; e voi, i figli di Dio!” Chi nega il male e considera tutto come buono, non può liberarsi dal male, ma vive nel male… L’uomo nuovo ricreato in Cristo secondo Dio .. Registrazione Esorcismo: il piano di satana contro la Chiesa . LA NOSTRA REGINA E MADRE SPARGE LE SUE LACRIME DI SANGUE IN VARI PAESI, QUALE PRELUDIO AGLI AVVENIMENTI CHE L’UMANITÁ VIVRÁ. Popolo Mio, voi dovete avere sete di Me. Quando vi allontanate da questa sete, sono altri gli interessi, affiorano quelli personali e non la Mia Volontà, che imprigionano il cuore del fratello in quello che è un desiderio umano personale. Cristo mi ha detto: “Non pensate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non son venuto per abolire, ma per dare compimento….. Alcune Chiese sono diventate scenari nauseabondi … Consacrazione delle Famiglie al Cuore Immacolato di Maria Le Apparizioni a Fatima di Don Alessandro Maria … Questa generazione ha trasgredito la legge data dal Padre ai Suoi figli: UNA LEGGE UNIVERSALE ED ETERNA. Profezie di Anguera IL POTERE DELLA BENEDIZIONE … Figli miei, mi sento molto triste e piango senza smettere di vedere i miei piccoli figli ribelli, che non vogliono partecipare alle chiamate dal cielo. Le apparizioni di Itapiranga. Edson Glauber Lo scontro Apocalittico e il Sigillo di Dio (Omelia infuocata) Popolo Mio, il momento si sta avvicinando, i raggi solari contaminati, ricadono sull’umanità e la debolezza dell’uomo si fa sentire nel corpo, facendo in modo che l’uomo non riesca a resistere all’insinuarsi di satana, che lo invita a lasciar perdere la Grazia, la Penitenza, la Fede, ingannando l’uomo con falsità, facendolo così cadere nelle cattive azioni. LA FEDE VACILLERÁ, I MIEI FIGLI PIANGERANNO E SI LAMENTERANNO.. UNO DEI PRECETTI DIVINI DI ESSA È CHE LA DONNA È CARNE DELLA CARNE DELLO SPOSO E CHE NESSUNA COSA O PERSONA PUÒ SEPARARE CIÒ CHE DIO HA FATTO UNA CARNE SOLA. IL MIO POPOLO NON PRESTA ATTENZIONE AI COMANDAMENTI .. TUTTI I FIGLI DI MIO FIGLIO DEVONO MUOVERSI ADESSO.. FIGLIOLI, NON PIU’ COMUNIONI NELLA MANO … (Marco 10,1-12) VOLEVAMO SAPERE SE È LECITO ALL’UOMO RIPUDIARE … VISIONE CONCESSA DA NOSTRO SIGNORE A LUZ DE MARIA 20 APRILE 2016

(dagli scritti di M.Valtorta )Ad un tratto, una gran luce empie la stanza, una luce argentea, sfumata d’azzurro, quasi fosforica, e sempre più cresce, annullando quella dell’alba e quella della lucerna.

About

1798556_894911773861235_204108647769062678_nASSUNZIONE GLORIOSA DI MARIA SS. 

 (dalle visioni di Maria Valtorta)


Quanti giorni sono passati? È difficile stabilirlo con sicurezza. Se si giudica dai fiori che fanno corona intorno al corpo esanime, si dovrebbe dire che sono passate poche ore. Ma se si giudica dalle fronde d’ulivo su cui posano i fiori freschi, fronde dalle foglie già appassite, e dagli altri fiori vizzi, posati come tante reliquie sul coperchio del cofano, si deve concludere che sono passati dei giorni ormai. Ma il corpo di Maria è quale era appena spirata

. Nessun segno di morte è sul suo volto, sulle piccole mani. Nessun odore sgradevole è nella stanza. Anzi, aleggia in essa un profumo indefinibile, che sa d’incenso, di gigli, di rose, di mughetti e di erbe montane, insieme mescolati.
Giovanni, che chissà mai da quanti giorni veglia, si è addormentato, vinto dalla stanchezza, stando seduto sullo sgabello, con le spalle appoggiate al muro, presso la porta aperta che dà sulla terrazza. La luce della lanterna, posata al suolo, lo illumina da sotto in su, e permette di vedere il suo volto stanco, pallidissimo, meno che intorno agli occhi arrossati dal piangere.
L’alba deve essere ormai incominciata, perché il suo debole chiarore rende visibili all’occhio la terrazza e gli ulivi che circondano la casa, chiarore che si fa sempre più forte e che, penetrando dalla porta, fa più distinti anche gli oggetti della camera, quelli che, per essere lontani dalla lucernetta , prima si intravvedevano appena.
Ad un tratto, una gran luce empie la stanza, una luce argentea, sfumata d’azzurro, quasi fosforica, e sempre più cresce, annullando quella dell’alba e quella della lucerna. Una luce uguale a quella che innondò la grotta di Betlemme al momento della Natività divina. Poi, in questa luce paradisiaca, si palesano delle Creature angeliche, luce ancor più splendida, nella luce già tanto potente apparsa per prima. Come già avvenne quando gli Angeli apparvero ai pastori, una danza di scintille d’ogni colore si sprigiona dalle loro ali dolcemente mosse, dalle quali viene come un mormorio armonico, arpeggiato, dolcissimo. Le Creature angeliche si dispongono a corona intorno al lettuccio, si curvano su di esso, sollevano il corpo immobile e, con un più forte agitar d’ali, che aumenta il suono già esistente prima, per un varco apertosi prodigiosamente nel tetto, come prodigiosamente s’aprì il Sepolcro di Gesù, se ne vanno, portando seco loro il corpo della loro Regina, santissimo, è vero, ma non ancora glorificato; e, perciò, ancora soggetto alle leggi della materia, soggezione a cui non era più soggetto il Cristo, perché già glorificato quando risorse da morte.
Il suono dato dalle ali angeliche aumenta, ed è ora potente come un suono d’organo. Giovanni, che s’era già, pur rimanendo addormentato, smosso due o tre volte sul suo sgabello, come fosse disturbato dalla gran luce e dal suono delle ali angeliche, si desta totalmente, per quel suono potente e per una forte corrente d’aria che,scendendo dal tetto scoperchiato ed uscendo dalla porta aperta, forma come un gorgo, che agita le coperture del letto ormai vuoto e le vesti di Giovanni, spegnendo la lucerna e chiudendo con un forte picchio la porta aperta.
L’Apostolo si guarda intorno, ancor mezzo assonnato, per rendersi conto di ciò che avviene. 

Si accorge che il letto è vuoto e che il tetto è scoperto. Intuisce che un prodigio è avvenuto.
Corre fuori sulla terrazza e, come per un istinto spirituale o per un richiamo celeste, alza il capo, facendosi solecchio con la mano per guardare senza avere l’ostacolo del nascente sole negli occhi.
E vede. Vede il corpo di Maria, ancor privo di vita, ed in tutto uguale a quello di persona dormente, che sale sempre più in alto, sostenuto dallo stuolo angelico. Come per un ultimo saluto, un lembo del manto e del velo si agitano, forse per azione del vento suscitato dalla rapida assunzione e dal moto delle ali angeliche, e dei fiori, quelli che Giovanni aveva disposti e rinnovati intorno al corpo di Maria, e certo rimasti tra le pieghe delle vesti, piovono sulla terrazza e sulla terra del Getsemani, mentre l’osanna potente dello stuolo angelico si fa sempre più lontano e quindi più lieve.
Giovanni continua a fissare quel corpo che sale verso il Cielo e, certo per un prodigio concessogli da Dio, per consolarlo e per premiarlo del suo amore alla Madre adottiva, egli vede, distintamente, che Maria, avvolta ora dai raggi del sole che è sorto, esce dall’estasi che le ha separata l’anima dal corpo, torna viva, sorge in piedi, perché ora Lei pure fruisce dei doni propri ai corpi già glorificati.
Giovanni guarda, guarda. Il miracolo che Dio gli concede gli dà potere, contro ogni legge naturale, di vedere Maria quale è ora, mentre sale ratta verso il Cielo, circondata – ma non più aiutata, a salire -dagli Angeli osannanti. E Giovanni è rapito da quella visione di bellezza che nessuna penna d’uomo, né parola umana, né opera di artista potrà mai descrivere o riprodurre, perché è di una bellezza indescrivibile.
Giovanni, stando sempre appoggiato al muretto della terrazza, continua a fissare quella splendida e splendente forma di Dio – perché realmente può dirsi così Maria, formata in modo unico da Dio, che la volle immacolata, perché fosse forma al Verbo incarnato – che sale sempre più in alto. E un ultimo, supremo prodigio concede Iddio-Amore a questo suo perfetto amatore: quello di vedere l’incontro della Madre SS. col suo SS. Figlio che – Lui pure splendido e splendente – bello di una bellezza indescrivibile, scende ratto dal Cielo, raggiunge la Madre, se la stringe sul cuore, e insieme – più fulgenti di due astri maggiori – con Lei ritorna da dove è venuto.
Il vedere di Giovanni è finito. Egli abbassa il capo. Sul suo volto stanco sono presenti e il dolore per la perdita di Maria e il gaudio per la sua gloriosa sorte. Ma ormai il gaudio supera il dolore.
Egli dice: «Grazie, mio Dio! Grazie! Io presentivo che questo sarebbe accaduto. E volevo vegliare, per non perdere nessun episodio della sua Assunzione. Ma erano ormai tre giorni che non dormivo! Il sonno, la stanchezza, congiunti alla pena, mi hanno abbattuto e vinto proprio quando era imminente l’Assunzione… Ma forse Tu stesso l’hai voluto, o Dio, perché io non turbassi quel momento e non soffrissi troppo… Sì. Certo Tu lo hai voluto, come ora volesti che io vedessi ciò che senza un tuo miracolo non avrei potuto vedere. Mi hai concesso di vederla ancora, benché già tanto lontana, già glorificata e gloriosa, come mi fosse vicina. E rivedere Gesù! Oh! visione beatissima, insperata, insperabile! O dono dei doni di Gesù-Dio al suo Giovanni! Grazia suprema! Rivedere il mio Maestro e Signore! Vedere Lui presso la Madre! Lui simile a sole e Lei a luna, splendidissimi entrambi, e per esser gloriosi, e per esser felici d’esser riuniti in eterno! Che sarà il Paradiso, ora che Voi vi splendete, Voi, astri maggiori della Gerusalemme celeste? Quale il gaudio degli angelici cori e dei santi? È tale la gioia che m’ha dato il vedere la Madre col Figlio, cosa che annulla ogni sua pena, ogni loro pena, anzi, che anche la mia cessa, e in me subentra la pace.
Dei tre miracoli che avevo chiesti a Dio, due si sono compiuti. Ho visto tornare la vita in Maria, e la pace la sento tornare in me. Ogni mia angoscia cessa, perché vi ho visti riuniti nella gloria. Grazie di ciò, o Dio. E grazie per avermi dato modo, anche per una creatura, santissima ma sempre umana, di vedere quale è la sorte dei santi, quale sarà dopo l’ultimo giudizio, e la risurrezione delle carni, e la loro ricongiunzione, la loro fusione con lo spirito, salito al Cielo all’ora della morte. Non avevo bisogno di vedere per credere. Perché io ho sempre creduto fermamente ad ogni parola del Maestro. Ma 
molti dubiteranno che, dopo secoli e millenni, la carne, fatta polvere, possa tornare corpo vivente. A costoro io potrò dire, giurandolo sulle cose più eccelse, che non solo il Cristo tornò vivo, per suo proprio potere divino, ma che anche la Madre Sua, tre dì dopo la morte – se morte può dirsi tal morte – riprese vita, e con la carne riunita all’anima, prese la Sua eterna dimora in Cielo, al fianco del Figlio. Potrò dire: “Credete, o cristiani tutti, nella risurrezione della carne, alla fine dei secoli, e alla vita eterna e dell’anima e dei corpi, vita beata per i santi, orrenda per i colpevoli impenitenti. Credete, e vivete da Santi, come da Santi vissero Gesù e Maria, per avere la loro stessa sorte. Io ho visto i loro corpi salire al Cielo. Ve lo posso testimoniare. Vivete da giusti per potere un giorno essere, nel nuovo mondo eterno, in anima e corpo, presso Gesù-Sole e presso Maria, Stella di tutte le stelle”.
Grazie ancora, o Dio! Ed ora raccogliamo quanto resta di Lei. I fiori caduti dalle sue vesti, le fronde degli ulivi rimaste sul letto, e conserviamoli. Serviranno… Sì, serviranno a dare aiuto e consolazione ai miei fratelli, invano attesi. Prima o poi li ritroverò…»
Raccoglie anche i petali dei fiori sfogliatisi nel cadere, rientra nella stanza tenendoli in un lembo della veste. Nota allora più attentamente l’apertura del tetto ed esclama: «Un altro prodigio! E un’altra mirabile proporzione nei prodigi della vita di Gesù e Maria! Egli, Dio, da Sé risorse, e col suo solo volere ribaltò la pietra del Sepolcro, e col suo solo potere ascese al Cielo. Da solo.

Maria, santissima ma figlia dell’uomo, per aiuto angelico ebbe aperto il varco per la sua assunzione al Cielo e, sempre per aiuto angelico, è stata assunta là. Nel Cristo, lo spirito tornò ad animare il Corpo mentre esso era ancora sulla Terra, perché così doveva essere, per far tacere i suoi nemici e per confermare nella fede i suoi seguaci tutti. In Maria, lo spirito è tornato quando il Corpo santissimo era già sulle soglie del Paradiso, perché per Lei non era necessario più altro. Potenza perfetta dell’infinita Sapienza di Dio…
Giovanni ora raccoglie in un telo i fiori e le fronde rimasti sul lettuccio, vi unisce quelli raccolti fuori e li depone tutti sul coperchio del cofano. Poi lo apre, e vi colloca il guancialetto di Maria, la coperta del lettuccio; scende nella cucina, raccoglie altri oggetti usati da Lei – il fuso e la conocchia, le sue stoviglie – e le unisce alle altre cose.
Chiude il cofano e si siede sullo sgabello esclamando: «Ora tutto è compiuto anche per me! Ora posso andare, liberamente, là dove lo Spirito di Dio mi condurrà. Andare! 
Seminare la divina Parola che il Maestro mi ha data, perché io la dia agli uomini. Insegnare l’Amore. Insegnarlo perché credano nell’Amore e nella sua potenza. Far loro conoscere cosa ha fatto Dio-Amore per gli uomini. 
Il suo Sacrificio e il suo Sacramento e Rito perpetui, per cui, sino alla fine dei secoli, noi potremo essere uniti a Gesù Cristo per l’Eucarestia, e rinnovare il rito e il sacrificio come Egli comandò di fare. Tutti doni dell’Amore perfetto! Far amare l’Amore, perché credano in Esso come noi vi abbiamo creduto e crediamo. Seminare l’Amore, perché sia abbondante la messe e la pesca, per il Signore.L’amore tutto ottiene, mi ha detto Maria nel suo ultimo discorso, a me, da Lei giustamente definito, nel collegio apostolico, colui che ama, l’amante per eccellenza, l’antitesi dell’Iscariota che fu l’odio, come Pietro l’irruenza e Andrea la mitezza, i figli d’Alfeo la santità e sapienza congiunta a nobiltà di modi, e così via. Io, l’amoroso, ora che non ho più il Maestro e la Madre da amare in Terra, andrò a spargere l’amore tra le genti. L’amore sarà la mia arma e dottrina. E con esso vincerò il demonio, il paganesimo, e conquisterò molte anime. Continuerò così Gesù e Maria, che furono l’amore perfetto in Terra».
(Dalle rivelazioni alla Mistica Maria Valtorta)